La pasta choux (bignè)

La pasta choux (che significa cavolo in francese) è un impasto molto raffinato utilizzato in pasticceria. Potrete creare raffinati dolci: dai sontuosi profiterole ai delicati eclair o Paris-Brest, senza dimenticare il fondamentale Saint Honore.

La ricetta della pasta choux è un po’ tecnica ma una volta che avrete capito, non è difficile da realizzare.  Il segreto per riuscire la pasta choux è di asciugare bene il primo impasto, prima di aggiungere le uova una alla volta.

Ingredienti

  • 250g di acqua
  • 100g di burro
  • 125g di farina 00 setacciata
  • Una busta di zucchero vanigliato oppure un cucchiaino di zucchero
  • Un pizzico di sale
  • 4 uova

 

Procedimento

  1. Mettere l’acqua in una pentola insieme al sale, il burro a pezzettini e lo zucchero vanigliato. Portare a bollore, fiamma bassa.
  2. Quando il composto bolle e il burro si è sciolto, spostare la pentola dalla fiamma e aggiungere la farina  in una volta, mescolando energeticamente con un mestolo di legno per evitare i grumi. Quando l’impasto è omogeneo e denso,  rimettere la pentola sulla fiamma bassa per farlo asciugare, continuando a girare per 2 o 3 minuti. L’impasto sarà pronto quando formerà una pallina e si staccherà dalle pareti.
  3. Trasferire l’impasto in una ciotola. Aggiungere un uovo. Amalgamare energicamente e quando è ben assorbito, aggiungere il secondo e cosi via. Il composto ottenuto deve essere liscio ed omogeneo.
  4.  Ricoprire una leccarda di carta forno. Riporre l’impasto ottenuto in un sac a poche con beccuccio liscio . Formare dei mucchietti lasciando un po’ di spazio tra di loro perché si gonfiano durante la cottura .
  5. Infornare in un forno preriscaldato a 185° per 20-25 minuti.

Consigli utili

Non dovete aprire la porta del forno durante la cottura sennò i bignè si sgonfieranno.

Potete conservare i bignè (non ripieni) in freezer senza problemi. Basterà infornarli qualche minuto in un forno a 180* per fargli ritrovare la buona testura.

I bignè si conservano bene in una scatola di latta al riparo dell’umidità per diversi giorni.

Per una versione salata, basta togliere lo zucchero .

Rispondi